Recupero, restauro e riutilizzo
di una barca a vela
come salotto culturale itinerante.

Quando un oggetto diventa testimonianza di vita, di cultura, di storia?


Questa è la domanda che ci siamo posti quando abbiamo visto per la prima volta il Desire e siamo rimasti innegabilmente stregati dal fascino che questa vecchia barca sa ancora esercitare su chi vi sale a bordo.
Gli scafi Formosa non hanno certamente bisogno di essere presentati, in quanto queste imbarcazioni si trovano praticamente in tutti i mari del mondo, lontani dai campi di regata certamente, ma sempre pronti ad ospitare chi del mare ha fatto un vero luogo di vita.
E proprio questo vorremo che il Desire diventasse, un luogo d’incontro che affianchi mostre e convegni culturali, testimonial inusuale o anche solo un mezzo per avvicinare al mare, alla natura e al territorio, chi ha voglia di scoprire e godere delle sue meraviglie.
Diciotto metri di pura magia e passione, dove poter respirare un’aria diversa, dove le nostre fantasie e desideri si possano fondere con le passioni che hanno permeato e continuano a permeare i ponti di tante imbarcazioni che solcano i mari del mondo.
Una sorta di strana macchina del tempo lanciata nelle insondabili pieghe del tempo, carica di vera cultura, di emozioni, visioni e speranze.


Ma il mare insegna anche molte altre cose:
Uscire in mare con una barca a vela, implica una serie di operazioni da compiere e di dinamiche psicologiche che si snodano costantemente.
Ci sono decisioni da prendere molto velocemente, si devono gestire emozioni, paure, dubbi, governare gli elementi naturali e sfruttarli a proprio vantaggio: questo rappresenta sopratutto una sorta di lavoro terapeutico teso a valorizzare la personalità e  a favorire la crescita personale.
Ancora più vero quando la finalità è quella di restituire dignità all’essere umano colpito da una malattia psichica o fisica o da un disagio sociale.

A bordo si sperimenta lo spirito di gruppo, si acquisisce e si deve mantenere un ruolo, prendendo coscienza di essere necessari.
Ci si deve relazionare senza scappatoie con caratteri diversi e così si impara a considerare e a rispettare le ragioni degli altri, oltre a confrontarsi con le ansie e le paure che ognuno si porta dentro.
Inoltre, durante la navigazione sono coinvolti il corpo e tutte le facoltà intellettive: un’esperienza unica e altamente stimolante specialmente per chi è costretto a vivere dove l’attività fisica e sociale spesso è molto limitata.

Offrire un’ulteriore possibilità, o almeno provarci, a coloro che vivono una realtà d’isolamento e svantaggio... anche in questo, il mare è il nostro miglior alleato!

E questo è forse il sogno più bello che vorremmo affidare alle vele del Desire.
Il desiderio di essere tutti uguali, di respirare lo stesso vento e di guardare verso lo stesso orizzonte.
Con occhi e pelle differenti, con diverse aspirazioni e diversi traguardi, ma con la voglia di farlo assieme.
E soprattutto, come ripete da anni il nostro Daniele Scarpa:
“Remare sono capaci tutti, remare e timonare dimostrano delle capacità in più.
Il vostro obiettivo deve essere timonare la canoa della vostra vita e non farvi condurre dagli altri.”


http://nyomroma.it/wp-content/uploads/2015/06/work-in-progress.png

Dimensions: 17.90
Beam: 4.80 m
Maximum Draft: 2.30 m
Dry Weight: 21000 kgsEngines
Engine Brand: Ford
Drive Type: Direct Drive
Cruising Speed: 6 knots
Maximum Speed: 8
knotsAccommodations
Number of single berths: 5
Number of double berths: 5
Number of heads: 3
Seating Capacity: 10Electronics
GPS
Compass
Plotter
Radar – Requires repairs
Autopilot
VHF – To be fitted
DepthsounderSails
Battened mainsail
Furling genoa – x 2Rigging
Steering wheelInside Equipment
Battery charger
Electric head
Hot water
Sea water pump
Manual bilge pump
Microwave oven
Oven
Refrigerator
Bow thruster
Marine head – x 2
Air compressor
Electric bilge pump
Deep freezer – To be repaired
Electrical Equipment
Generator – To be repaired (2013)
Outside Equipment/Extras
Swimming ladder
Solar panel
Gangway
Tender
Outboard engine brackets
LA BARCA